Sotto il “Titolo”.

Stavolta il sabato dei sopralluoghi ci ha portato vicino casa, in un quartiere dove si incontrato odori incredibili. Al limitare dell’antica Suburra, dove il popolino dell'antica Roma si è trasformato nel popolo multicolore del colle Oppio di oggi; dove nel parchetto giochi in piena Domus Aurea ancora fanno effetto le belle mammine ingioiellate “di Monti” separate da uno steccato dai coloriti abitanti delle panchine, il cui fardello di vita dolorosa è forse appena stato alleviato da un pasto nella vicina sede Caritas.